Che cos’è la biorivitalizzazione del viso?

La biorivitalizzazione del viso è un trattamento di medicina estetica che contrasta l’invecchiamento cutaneo. Svolge un’azione anti-age, anti-ossidante e idratante. Nella biorivitalizzazione del viso sono utilizzate sostanze biocompatibili e riassorbibili, come stimolatori del collagene o mix di acido ialuronico, amminoacidi e vitamine, per ridare tono, compattezza e idratazione alla pelle.

Che differenza c’è rispetto al filler?

La biorivitalizzazione del viso, ma anche quella del collo e del decolleté, possono essere effettuate in caso di spelle spenta, priva di turgore ed elasticità. La biorivitalizzazione e i filler viso sono due trattamenti della medicina estetica che si effettuano in ambulatorio, ma presentano alcune differenze. Il primo trattamento prevede l’utilizzo di un ago molto sottile con cui vengono iniettate alcune sostanze, tra cui acido ialuronico, aminoacidi, acidi nucleici e diverse vitamine per nutrire le cellule cutanee e aumentare l’idratazione. Risultato: pelle più rilassata, fresca e levigata. Allo stesso modo, il filler viso, a base di acido ialuronico, viene iniettato con siringhe dall’ago molto sottile e ha un effetto riempitivo nella zona in cui è somministrato attraverso puntura. Il filler per il viso può servire anche ad aumentare il volume delle labbra e a dare alla bocca maggiore turgore. A volte i due trattamenti possono essere combinati, in modo da potenziare risultato estetico e durata dei risultati.

A che età è consigliata la biorivitalizzazione?

La biorivitalizzazione del viso non è consigliata solo a donne di età matura. Si tratta di una procedura di medicina estetica che può essere effettuata anche su pelli ancora giovani, morbide ed elastiche, allo scopo di prevenire l’invecchiamento cutaneo. La biorivitalizzazione ha l’effetto di rallentare questo processo fisiologico, riattivando la funzionalità delle cellule dell’epidermide. Il trattamento della biorivitalizzazione del viso presenta solo controindicazioni generiche, come possibili allergie al materiale da iniettare, dermatiti acute e infezioni in corso, herpes in fase attiva e stato di gravidanza. Le sedute di biorivitalizzazione sono effettuate in ambulatorio, non sono particolarmente dolorose e non comportano effetti collaterali. Eventuali rossori o piccoli lividi che possono comparire, in forma lieve e temporaneamente, sono dovuti al trauma dell’ago nella zona in cui sono iniettate le sostanze e tendono a scomparire spontaneamente in due-tre giorni.

Biorivitalizzazione viso: quante sedute sono necessarie?

La biorivitalizzazione del viso è un trattamento di medicina estetica che viene eseguito in ambito ambulatoriale presso lo studio di professionisti specializzati come quelli di Mastinu & Associati. Ora, vi chiederete, per la biorivitalizzazione del viso, quante sedute occorrono? Non c’è un numero preciso e definito, valido per chiunque. Tutto dipende dal tipo di pelle, dal suo stato effettivo e dalla tecnica con cui viene eseguita la biorivitalizzazione del viso. Per il picotage, che consiste in microiniezioni su mirate zone di viso, collo e decolleté, possono essere sufficienti quattro sedute ogni 7-10 giorni, più una al mese per il mantenimento. Con l’elettroporazione transdermica, nella quale vengono emesse onde elettromagnetiche senza l’utilizzo di aghi, occorrono circa 10 sedute totali. Per sapere quale procedura è migliore per voi e, rispetto alla biorivitalizzazione del viso, quante sedute potrebbero occorrervi, inclusi eventuali cicli di mantenimento, chiedete agli esperti. Scegliete solo personale serio e altamente qualificato.