L’ortopantomografia, detta anche “radiografia panoramica”, è utile per ottenere una visione completa dell’arcata dentaria. Consiste in un tipo di indagine che permette di evidenziare non solo lesioni esterne dei denti come le carie, ma anche granulomi, cisti, fratture, anomalie nello sviluppo, solo per citare alcuni problemi tra i più comuni.

 

In cosa consiste l’ortopantomografia delle arcate dentarie?

L’ortopantomografia è un esame radiografico che consente di verificare lo stato di salute dei denti dell’arcata superiore e inferiore, offrendo una panoramica dentaria necessaria per poter fare un primo bilancio sullo stato di salute della dentatura. Pertanto l’ortopantomografia delle arcate dentarie è un primo passo necessario da effettuare per capire che tipo di trattamento odontoiatrico eseguire. Se poi il dentista lo ritiene opportuno, dopo l’ortopantomografia potrà eseguire altre radiografie mirate. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di esaame viene fatto su indicazione specialistitca odontoiatrica. L’ortopantomografia delle arcate dentarie è indicata in caso di alcune patologie chirurgiche, oncologiche, otorino laringoiatriche e maxillo-facciali.

 

Ortopantomografia: i bambini possono sottoporvisi?

L’ortopantomografia è un tipo di esame delle arcate dentarie sconsigliato a minori e donne incinte. In quest’ultimo caso, i rischi sono connessi all’esposizione alle radiazioni, seppur minima. Per quanto riguarda, invece, l’ortopantomografia sui bambini, è preferibile evitarla poiché i denti da latte dei più piccoli vengono monitorati con altri esami. Inoltre, presumibilmente si tratta di pazienti “difficili” dal momento che potrebbero non restare immobili durante l’esecuzione dell’ortopantomografia. Le linee guida dell’American Dental Association (Ada), che comunque raccomanda ai dentisti di ricorrere con giudizio ai raggi X, sono chiare. In presenza di una bocca sana, che non presenta criticità, sono raccomandate radiografie, come nel caso di un’ortopantomografia sui bambini, ogni 1-2 anni e tendenzialmente non prima dei 5-6 anni, ogni anno e mezzo-3 su adolescenti e ogni 2-3 anni su adulti.

 

Le differenze tra ortopantomografia o ortopanoramica

Ortopantomografia o ortopanoramica? Spesso si usano questi termini in modo equivalente. L’ortopanoramica è una radiografia panoramica, un’unica scansione dentale a raggi X di entrambe le arcate, quella superiore e quella inferiore, comprensive di mandibola e mascella. Con la tecnica diagnostica dell’ortopantomografia o ortopanoramica è possibile vedere tutto quello che resta nascosto dalle gengive (anche casi di denti ritenuti), con un’analisi più accurata delle radici dentali, dei tessuti che sostengono il dente (gengive, osso alveolare, legamento parodontale), delle arcate dentali o di precedenti interventi. Nel caso di implantologia a carico immediato, l’ortopantomografia o ortopanoramica consente di conoscere la posizione e l’ampiezza dei seni paranasali e la posizione dei forami mentonieri, essenziale per valutare la fattibilità di un intervento.