Avere un molare cariato è una situazione patologica comune in ambito odontoiatrico. I molari, infatti, sono tra i denti maggiormente interessati dalla carie, un processo distruttivo a carico dei tessuti duri di un dente, provocato da alcuni batteri. È la morfologia stessa dei molari a renderli più vulnerabili alla patologia, dal momento che sono caratterizzati naturalmente da solchi profondi e complessi.

Quali sono i sintomi del molare cariato?

Hai fastidio in bocca e pensi di avere un molare cariato? Prenota una visita presso uno studio professionale come quello di Mastinu & Associati. Ci sono degli elementi che possono rendere riconoscibile la patologia. I sintomi di un molare cariato sono quelli che accompagnano l’evoluzione della carie nella polpa di qualsiasi dente che essa colpisce, in particolare alito cattivo, ipersensibilità a caldo, freddo, dolce, salato ed acido, dolore che dal dente s’irradia nei tessuti circostanti. Visivamente un dente cariato appare ruvido, opaco e più scuro. Se si notano delle macchie nere sui molari, vuol dire che il processo infettivo della carie è già in atto da un po’. Meglio intervenire in fretta, rivolgendosi a uno specialista competente e qualificato.

Curare una carie nel molare

Per curare un molare cariato, devi recarti presso un professionista che possa formulare una corretta diagnosi e valutare il trattamento più idoneo da effettuare. Nel caso di una carie nel molare, il dentista potrebbe decidere di procedere con una otturazione, la procedura più comune in questi casi. Sarà pertanto rimossa la parte infetta e malata del dente e, dopo un’accurata disinfezione, sarà riempito il “buco” rimasto con dei materiali specifici. Se la carie è in uno stadio avanzato, l’otturazione potrebbe non bastare. Potrebbe essere necessario ricorrere a una devitalizzazione o una apicectomia, per eliminare la polpa dentale compromessa dal processo infettivo.

Molare cariato, è il caso di estrarlo?

Ipotizziamo che tu abbia un molare cariato che sia in una fase particolarmente avanzata dell’infezione. Se la situazione è molto grave, il dentista potrebbe valutare di procedere con un’estrazione. L’estrazione di un molare cariato è necessaria quando il dente è così compromesso che non può essere recuperato in altro modo. Nel processo di estrazione, un dente viene rimosso dalla cavità ossea in cui risiede normalmente, ovvero l’alveolo. I denti del giudizio costituiscono un’eccezione perché possono essere rimossi chirurgicamente anche per motivi di prevenzione, per tutelare la corretta posizione e il giusto allineamento degli altri denti.