Il processo di invecchiamento del viso riguarda chiunque, seppur con tempi e modalità differenti da persona a persona. Sono diverse le fasi in cui si articola l’invecchiamento del viso: nell’ordine, la diminuzione progressiva dell’idratazione cutanea, la comparsa delle prime micro-rughe, una riduzione dell’elasticità, l’ipercheratosi (ovvero l’ispessimento dello strato corneo dell’epidermide) e la comparsa di macchie iper-pigmentate, dette anche macchie senili.

 

Come prevenire l’invecchiamento della pelle del viso

Una corretta azione di prevenzione rappresenta una concreta e valida opportunità per contrastare la formazione dei segni legati all’invecchiamento della pelle del viso. Una buona abitudine dovrebbe diventare l’assunzione di compresse di acido alfalipoico, utile nella lotta contro i radicali liberi che hanno un effetto distruttivo su collagene ed elastina, proteine che conferiscono alla pelle freschezza e morbidezza. Per combattere l’invecchiamento di viso e corpo occorre seguire uno stile di vita sano, che preveda attività fisica tutti i giorni – basta anche solo una camminata quotidiana di 30 minuti a passo svelto –, eliminare il “cibo spazzatura”, consumare una maggiore quantità di frutta, verdura e proteine vegetali e bere almeno 1,5/2 litri di acqua al dì. Contro l’invecchiamento della pelle del viso alcuni consigliano di dormire sul dorso e di utilizzare un cuscino di seta, materiale più liscio del cotone, per ridurre eventuali “stropicciamenti” dell’epidermide durante il sonno.

 

Quali sono le cause dell’invecchiamento del viso?

Ci sono almeno tre fattori che contribuiscono al processo di invecchiamento del viso. Il primo è il cosiddetto invecchiamento cronologico, legato a fattori genetici. Questo processo inizia tendenzialmente dopo i 25 anni e si manifesta chiaramente dopo i 40 anni. In questa fase la pelle si assottiglia e si riducono il numero e l’attività dei melanociti, le cellule deputate a produrre melanina, sostanza che conferisce all’epidermide il suo colore naturale. Tra le altre cause dell’invecchiamento del viso figurano anche condizioni ambientali e stile di vita. Dormire almeno otto ore a notte, seguire una dieta varia e bilanciata, fare del movimento fisico quotidianamente, idratare il viso ogni mattina, struccarsi ogni sera con latte e tonico, applicare una crema nutriente prima di andare a dormire dovrebbero diventare delle buone abitudini. Sono tutte azioni che, nell’insieme, possono aiutare a combattere le cause responsabili dell’invecchiamento del viso e, di conseguenza, a rallentare questo processo. Quando ci si espone al sole, infine, bisogna proteggere la pelle con una crema con filtro solare elevato o comunque adeguato al fototipo di appartenenza.

 

Segni del tempo sul viso: come intervenire

La lotta contro l’invecchiamento del viso deve partire con un’azione efficace di prevenzione quotidiana e costante, ma può essere rafforzata da alcuni trattamenti di medicina estetica. Combattere i segni del tempo sul viso è possibile, per esempio, con iniezioni poco invasive a base di acido ialuronico e collagene a partire dai 30 anni circa. Si può valutare anche qualche seduta di laser frazionato per agire su imperfezioni come macchie o cicatrici da acne e, in generale, per migliorare l’aspetto e la texture della pelle. Tra i 40 e i 50 anni, si accentuano le rughe, in particolare quelle frontali e quelle nasolabiali, e fanno la comparsa le cosiddette “zampe di gallina” nella delicata zona del contorno occhi: per contrastare questi segni del tempo sul viso può diventare necessario ricorrere al botox, utile anche per riempire le rughe sul collo e sul decolleté. Il processo dell’invecchiamento del viso si riflette anche sulle labbra, che col passare degli anni tendono ad assottigliarsi, così come su guance e zigomi che perdono via via di tono. Anche in questi casi acido ialuronico, collagene e botulino sono validi alleati. Chiedi ai professionisti di Mastinu & Associati un’analisi approfondita della pelle del viso e i trattamenti più idonei a cui sottoporti per un effetto lifting dal risultato naturale.