L’alito cattivo è un problema che può comportare disagi anche in ambito sociale. Di base è un sintomo che indica un’eccessiva proliferazione di batteri e composti solforati nel cavo orale.

Quali sono le cause dell’alitosi?

Il più delle volte, l’alito cattivo si forma all’interno della stessa bocca, quando i batteri dei resti del cibo non vengono adeguatamente rimossi dallo spazzolino o dal filo interdentale. Tuttavia possono intervenire diverse cause dell’alitosi, come viene definito in altro modo l’alito cattivo. Il problema può indicare la presenza di infiammazioni del cavo orale, di malattie gengivali o, ancora, di malattie sistemiche come ernia iatale, cirrosi epatica, diabete mellito. Se l’alitosi è persistente, contatta il tuo dentista di fiducia e prenota una visita per capire i fattori scatenanti e le modalità d’intervento.

Tipi di alitosi

L’alito cattivo può manifestarsi in modi differenti all’interno della bocca e con tempi diversi. A seconda di varie caratteristiche, si possono riconoscere alcuni comuni tipi di alitosi. L’alitosi transitoria può presentarsi in alcuni momenti della giornata, in seguito al consumo di alcol e di determinati alimenti (aglio, cipolla, ecc), dopo l’assunzione di certi farmaci, successivamente a un digiuno prolungato o al risveglio mattutino. L’alitosi patologica persistente è invece legata a gastriti e patologie sistemiche (diabete mellito, insufficienza renale cronica, epatopatie dovute a squilibri metabolici). Con pseudoalitosi o alitofobia, invece, si fa riferimento a un problema di natura psicologica, cioè alla paura costante ed esagerata, priva di reali fondamenti, di soffrire di alitosi.

Rimedi per l’alito cattivo

Per combattere l’alito cattivo bisogna innanzitutto risalire alle cause e ai fattori che l’hanno provocato. Fissa un appuntamento per una visita approfondita presso professionisti qualificati come quelli dello studio Mastinu & Associati. Nel frattempo, puoi adottare anche alcune buone pratiche quotidiane come rimedi per l’alito cattivo. Usa il tuo spazzolino per pulire la lingua dopo aver lavato i denti: molti batteri proliferano anche su di essa. Evita bevande e cibi alitogeni o limitane il consumo. Utilizza spezie ed erbe naturali come il coriandolo, la menta, il rosmarino e l’eucalipto.